Immagine

DSCN5153

 

Quando si considera un’esistenza come quella di Roma, vecchia di oltre duemila anni e più, e si pensa che è pur sempre lo stesso suolo, lo stesso colle, sovente perfino le stesse colonne e mura, e si scorgono nel popolo tracce dell’antico carattere, ci si sente compenetrati dei grandi decreti del destino.
(Goethe)

DSCN5157

 

Roma è la città degli echi, la città delle illusioni, e la città del desiderio.
(Giotto)

DSCN5158

 

Ho trovato una città di mattoni, ve la restituisco di marmo.
(Ottaviano Augusto)

DSCN5159

 

Tu non potresti vedere nulla maggior di Roma.
(Omero)

DSCN5166

 

Come se fossi appena giunto a Roma,
e trovassi una immensa città sotto la pioggia,
con quartieri sconosciuti e inconoscibili,
di cui si sanno leggende
(Pier Paolo Pasolini)

Immagine

DSCN5156

 

Dai a ogni giornata la possibilità di essere la più bella della tua vita.
(Mark Twain)

DSCN5164

 

La vita non si misura attraverso il numero di respiri che facciamo, ma attraverso i momenti che ci lasciano senza respiro.
(Maya Angelou)

 

Immagine

199846_1150688261_large

 

“Il più grande pericolo per molti di noi non sta nel fatto che i nostri obiettivi siano troppo elevati e quindi non riusciamo a raggiungerli, ma nel fatto che siano troppo bassi e che li si raggiunga.”  Michelangelo 

Immagine

Campo de trigo bajo el cielo nublado. 1890

Campo di grano sotto un cielo nuvoloso- Van Gogh 

“Che cosa è il disegno?….
È lavorare attraverso una muraglia invisibile in ferro che sembra sorgere tra quanto si sente e quanto uno sa fare.
Come attraversare quel muro?
Bisogna minare subdolamente il muro, scavandovi sotto lentamente e pazientemente, a parer mio….
Le cose grandi non sono incidentali, devono essere opera della volontà”

 

Link

Within Temptation and Metropole Orchestra Black Symphony

I Within Temptation sono un gruppo musicale olandese fondato nell’aprile1996 dal chitarrista Robert Westerholt e dalla cantante Sharon den Adel. Sono tra le Band  symphonic/gothic di fine anni novanta più apprezzate e amate,

Campo di grano con cipressi di Van Gogh

Immagine

campo-di-grano-con-cipressi-van-gogh-analisi

Campo di grano con cipressi sono tre opere simili dipinte da Vincent van Gogh nel 1889. la prima si trova alla National Gallery di Londra; la seconda al Metropolitan Museum of Art di New York; la terza in una collezione privata. Come già accennato sopra ne esistono tre versioni di questo dipinto che mostrano tre momenti diversi della giornata. Qui possiamo vedere ancora una volta il lato prettamente impressionista di Van Gogh. Campo di grano con cipressi è una delle opere più bella del pittore,  sia per la bellezza del paesaggio sia per la sua  maestria nel  saper mescolare la tradizione impressionista con il suo caratteristico modo di vedere il mondo, che rende tutto “magico” per mezzo della pittura. Nella prima opera del campo di grano con cipressi, possiamo vedere che il soggetto è  la  campagna, dove  troviamo un cipresso sulla destra, un cielo tormentato dal vento e offuscato dalle nuvole e un grande campo di spighe che si trova in primo piano.  Grazie alle varie tonalità di beige,che creano effetto illusionistico di luce/ombra Dando movimento al campo di grano che domina la parte bassa dell’opera. I cespugli che si trovano invece nella zona intermedia del dipinto sono invece realizzati con varie sfumature di verde a cui di vanno a mescolare i cipressi dello stesso colore, anche se con un verde più scuro. Sullo sfondo possiamo ammirare invece le montagne di un colore azzurro e blu, che, nonostante il colore simile, è in netto contrasto con le nuvole piene di curve nella parte alta del dipinto.

Pierre Auguste Renoir- Claude Monet che dipinge nel suo giardino ad Argenteuil

Immagine

Pierre-Auguste_Renoir -Monet che dipinge nel suo giardino di Argenteuil

 

Monet che dipinge nel suo giardino di Argenteuil opera del 1873 di Pierre Auguste Renoir si trova a Wadsworth Atheneum, Hartford, USA. La quotidianità di ciò che succede intorno a loro era il soggetto preferito degli impressionisti, per Renoir i soggetti preferiti erano amici ed amanti. In questo dipinto possiamo vedere Monet mentre sta lavorando. Grazie a questa opera l’artista ci permette di vedere come gli impressionisti lavorassero en plain air. Il colore dominante nell’opera è sicuramente il verde, a fare da contrasto c’è la presenza di Monet con abiti scuri che vanno in netto contrasto con tutto il quadro, permettendo quindi a quest’ultimo di risaltare sulla destra dell’opera. i fiori sono in colori rossi e gialli, mentre il colore del cielo ci fa capire che il quadro è stato realizzato di mattina, siccome se fosse stato pomeriggio i colori della luce sarebbero stati più sul rosso.

La terrazza a Sainte-Adresse di Claude Monet

Immagine

Terrazza-a-Sainte-Adresse-Monet-analisi

La terrazza a Sainte-Adresse è un dipinto realizzato  dal pittore francese Claude Monet. È conservato nel Metropolitan Museum of Art di New York. L’artista passo l’estate nell’anno 1867  presso Sainte-Adresse dove realizzo molte opere.Nel dipinto che qui vediamo I soggetti sul fondo della terrazza  probabilmente sono il padre di Monet, ovvero Adolphe, e accanto a lui, la donna dovrebe essere Jeanne Marguérite Lecadre, ovvero sua cugina; in primo piano, le due persone che sono sedute alle sedie dovrebbero essere lo stesso Dottore Adolphe Lecadre, ovvero il padre di Jeanne Marguérite e la ragazza di spalle dovrebbe essere l’altra figlia dello stesso dottore. sembrerebbe quasi che tutta l’opera sia composta da due piani paralleli differenti, ma in realtà non  è così, il senso di profondità si può cogliere bene se si guarda per bene il quadro. Questo dipinto come molti altri è stato realizzato con un forte influenza dell’arte giapponese.Un probabile antecedente che ha permesso la nascita di quest’opera impressionista potrebbe essere un’opera realizzata dal pittore giapponese Hokusai.

Campo di papaveri di Monet

Immagine

Claude_Monet_037

 

Campo di papaveri è un dipinto ad olio di Claude Monet conservato al museo d’Orsay realizzato nella campagna di Argenteuil. Campo di papaveri è uno dei quadri più conosciuti e famosi al mondo, in questo ci sono  tutte le caratteristiche della pittura impressionista: i colori, la prospettiva, la tecnica en plein-air. Il protagonista è lo sterminato campo di papaveri e possiamo vedere le due figure all’interno che sono la moglie del pittore, Camille, e suo figlio Jean. Il pittore  dal verde indistinto del campo fa emergere delle brillanti macchiette di rosso, colore complementare del verde, che i nostri occhi interpretano subito come papaveri. Con le sue pennellate riesce a farci percepire il vento che muove i fiori.I papaveri che sono in primo piano sono leggermente più grandi rispetto a quelli che si trovano in fondo, e questo dà un senso di profondità, facendo in modo che la composizione non sia realizzata tutta su uno stesso piano.Il soggetto preferito di Monet è la trasformazione della realtà che avviene con il cambiare della luce e il passare del tempo. In questo dipinto possiamo vedere ritratta la sua famiglia per ben due volte la prima  in alto a sinistra e la seconda nell’angolo in basso a destra. L’artista rende in modo soggettivo lo scorrere del tempo durante il quale i suoi cari sono scesi dalla collina.

Monet – San Giorgio Maggiore al crepuscolo

Immagine

San-Giorgio-al-Crepuscolo-Claude-Monet-analisi

 

San Giorgio Maggiore al crepuscolo  di Claude monet olio su tela del 1908, Non è tra le opere più consciute del pittore, ma di sicuro non meno belle. A primo impatto quello che colpisce maggiormente di San Giorgio Maggiore al crepuscolo sono senza dubbio i colori, prevalgono i toni arancioni. questo quadro  è davvero molto affascinante per la tecnica utilizzata da Monet e anche per le sfumature di colore che rendono in maniera molto realistica i colori del crepuscolo.La cattedrale e il suo riflesso nel mare e il cielo sono da cornice. Monet riesce a catturare gli effetti dell’ora del giorno,dell’atmosfera con il suo gioco di colori. Più spesso dipinse lo stesso soggetto  per rendere il mutare della luce e delle condizioni atmosferiche.  Monet definiva in particolare la città di Venezia “troppo bella per essere dipinta”  e probabilmente questo è proprio il motivo per cui il pittore non ha completato molti quadri che hanno per soggetto la città italiana.